Giacomo Puccini. Aspetti di drammaturgia Visualizza ingrandito

Giacomo Puccini. Aspetti di drammaturgia

Introduzione di Virgilio Bernardoni

Maggiori dettagli

Autore Marcello Conati
Collana Studi e Saggi
N. 16
Dimensioni 17×24, pp. X+139
Anno 2018
ISBN 9788870969504

Prezzo 16,00 €

-20%

20,00 €

  1. Una farfalla in tavola infitta
  2. Puccini drammaturgo: strategie dell’emozione
  3. Il tabarro ovvero la ‘solita’ insolita forma
  4. Verso Turandot
  5. «Maria Antonietta» ovvero «L’Austriaca». Un soggetto abbandonato da Puccini

Appendice: Gli abbozzi del libretto di Luigi Illica. Saggio di trascrizione. 1. L’atto primo; 2. Abbozzi di collocazione incerta

«Non c’è maggiore difficoltà che capire ciò che sembra facile»: è l’affermazione chiave del metodo applicato da Marcello Conati alle opere di Giacomo Puccini. La scoperta della sorprendente complessità di ciò che appare facile, la sovrabbondanza di relazioni di senso insita in ciò che in superficie sembrerebbe elementare: sono questi, infatti, gli obiettivi principali delle analisi di Conati. E affinché il lettore mantenga salda la bussola in peregrinazioni che per la natura selettiva degli argomenti affrontati potrebbero sembrare un poco rapsodiche, l’autore ci mette immediatamente in guardia dall’«errore più comune», dalla trappola nella quale a lungo è caduta la critica pucciniana — e nella quale non vuole rimanere lui stesso invischiato — consistente nel valutare «l’aspetto melodico, in uno con la veste strumentale, come il fattore più eminente e decisivo dell’edificio drammaturgico, come sua unica struttura portante» e, di conseguenza, come «rivestimento esteriore atto a nascondere il vuoto di reali contenuti poetici».